Sei in: Home » Comune » Statuto Comunale » Titolo III

Statuto Comunale

TITOLO V: L’ORDINAMENTO FINANZARIO E CONTABILE - Programmazione e gestione del bilancio


Art. 74: Principi generali

  1. L’ordinamento finanziario e contabile del comune è disciplinato dallo Statuto e dal regolamento di contabilità nel rispetto dei principi stabiliti dalla legge statale coordinata con quella regionale.
  2. Nell’ambito di detti principi il comune persegue, attraverso l’esercizio della propria potestà impositiva e con il concorso delle risorse trasferite dallo Stato ed attribuite dalla Regione, condizioni di effettiva autonomia finanziaria fondata su certezza di risorse proprie e trasferite, adeguando programmi e attività ai mezzi disponibili e ricercando, mediante la razionalità delle scelte e dei procedimenti, l’efficiente ed efficace impiego di tali mezzi.
  3. Il Comune, nell’attivare il concorso dei cittadini alle spese pubbliche locali, ispira le proprie determinazioni a criteri di equità e di giustizia distribuendo il carico tributario in modo da assicurare la partecipazione di ciascun cittadino in proporzione alle sue effettive capacità contributive o alla fruizione del servizio. Appositi regolamenti disciplineranno l’imposizione fiscale e i rapporti con i contribuenti.
  4. L’ordinamento specifica l’attività dell’ente in materia di programmazione, gestione e rendicontazione, investimenti, servizio di tesoreria, compiti e attribuzione dell’organo di revisione, controllo di gestione e contabilità economica.
  5. Il regolamento di contabilità applica i principi stabiliti dalla legge, adeguandoli alle modalità organizzative previste dall’ordinamento degli uffici, prevedendo che mandati di pagamento e reversali d’incasso siano sottoscritti dal responsabile del servizio finanziario, ferme restando le disposizioni previste dalle legge per assicurare l’unitarietà e l’uniformità del sistema finanziario e contabile.

Art. 75: La programmazione finanziaria

  1. Il Comune adotta il sistema della programmazione, controllo e verifica dei risultati, correlando tutta la propria attività amministrativa alle risorse finanziarie che risultano acquisibili per realizzarla.
  2. Gli atti con i quali la programmazione viene definita e rappresentata sono: il bilancio di previsione annuale, la relazione previsionale e programmatica ed il bilancio pluriennale, che devono essere redatti in modo da consentire la lettura e l’attuazione delle previsioni per programmi e eventuali progetti.
  3. La Giunta elabora tutti i documenti di programmazione, compreso il piano esecutivo di gestione, con la partecipazione di tutti i responsabili degli uffici o dei servizi e con il coordinamento generale del servizio finanziario nel rispetto delle disposizioni di legge e delle competenze previste dall’ Ordinamento in Sicilia con le specificazioni del presente Statuto.
  4. Al fine di assicurare ai cittadini e agli organismi di partecipazione la conoscenza dei contenuti significativi dei documenti finanziari il regolamento di contabilità prevede forme opportune di pubblicità e di consultazione, compreso il loro deposito presso l’U.R.P. a garanzia della massima trasparenza possibile.

Art. 76: La programmazione degli investimenti

  1. Contestualmente al progetto di bilancio annuale, la Giunta propone al Consiglio Comunale il programma delle opere pubbliche e degli investimenti, riferito al periodo di vigenza del bilancio pluriennale, suddiviso per anni, con inizio da quello successivo alla sua approvazione, e raccordato alle previsioni del bilancio pluriennale.
  2. Il programma triennale delle opere pubbliche deve rispettare le disposizioni previste dalla legge nazionale e regionale; il piano economico finanziario le disposizioni del decreto legislativo n. 267/2000.
  3. Per tutti gli investimenti, comunque finanziati, l’organo deliberante, nell’approvare il progetto o il piano esecutivo dell’investimento, dà atto della copertura delle maggiori spese di gestione nel bilancio pluriennale ed assume l’impegno di inserire nei bilanci pluriennali successivi le ulteriori o maggiori previsioni di spesa.

Art. 77: Il Patrimonio Comunale

  • 1. I beni Comunali si distinguono in mobili, fra cui quelli immateriali, ed immobili e si suddividono nelle seguenti categorie:
  • 1.1. beni soggetti al regime del demanio;
  • 1.2. beni patrimoniali indisponibili;
  • 1.3. beni patrimoniali disponibili.
  • 2. Il passaggio della categoria dei beni demaniali a quella patrimoniale e dal patrimonio indisponibile a quello disponibile scaturisce dalla cessata utilità e destinazione del bene di cui si prenderà atto con delibera di Giunta.
  • 3. Per la valutazione dei beni, per la rilevazione delle variazioni e per la quantificazione del loro ammortamento, ai sensi del decreto legislativo n. 267/2000, si applicheranno le disposizioni del regolamento di contabilità.
  • 4. I beni demaniali possono essere concessi in uso con modalità e canoni fissati dall’apposito regolamento, i beni patrimoniali devono, invece, essere dati in affitto.
  • 5. Le somme provenienti dall’alienazione dei beni, da donazioni, da trasferimento per testamento, da riscossione di crediti o comunque da cespiti da investirsi in patrimonio, debbono essere impiegati nel miglioramento del patrimonio comunale.
  • 6. Solo in casi del tutto eccezionali, e quando ciò sia previsto dalla legge, tali fondi possono essere utilizzati per necessità gestionali.

Art. 78: La gestione del patrimonio

  1. La Giunta Comunale sovrintende alla attività di conservazione e gestione del patrimonio comunale assicurando, attraverso l’apposito ufficio previsto dal regolamento di organizzazione, la tenuta degli inventari dei beni immobili o mobili ed il loro costante aggiornamento, con tutte le variazioni che, per effetto di atti di gestione, nuove costruzioni ed acquisizioni, si verifichino nel corso di ciascun esercizio.
  2. Il regolamento di contabilità stabilisce le modalità per la tenuta degli inventari e determina i tempi entro i quali sono sottoposti a verifica generale.
  3. La Giunta comunale adotta gli atti previsti dal regolamento di contabilità per assicurare, da parte di tutti i responsabili di uffici e servizi, l’osservanza dell’obbligo generale di diligenza nell’utilizzazione e conservazione dei beni dell’ente.
  4. Per i beni mobili tale responsabilità è attribuita ai consegnatari definiti dal regolamento di contabilità.
  5. L’alienazione dei beni immobili avviene di norma mediante asta pubblica, quella relativa ai beni mobili, con le modalità stabilite dal regolamento.
  6. La gestione dei beni comunali deve essere informata a criteri di conservazione e valorizzazione del patrimonio e del demanio comunale sulla base di realistiche valutazioni fra oneri ed utilità pubblica del singolo bene.

Art. 79: Il servizio di Tesoreria

  1. Il servizio di tesoreria consiste nell’espletamento di tutte le operazioni legate alla gestione finanziaria del comune e finalizzate in particolare alla riscossione delle entrate, al pagamento delle spese, alla custodia dei titoli e agli altri adempimenti previsti dalla legge, dai regolamenti e dalla convenzione.
  2. Il servizio è regolato da apposita convenzione ed ha la durata minima triennale e massima quinquennale rinnovabile.
  3. Il Comune affida di norma il servizio di tesoreria ad un istituto di credito autorizzato a svolgere l’attività di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385.
  4. Il regolamento di contabilità stabilisce le modalità di esercizio del servizio di tesoreria e dei servizi dell’ente che comportano maneggio di denaro, fissando norme idonee il controllo di tali gestioni.
  5. Per la riscossione delle entrate tributarie il Comune provvede di norma a mezzo del concessionario della riscossione, che a richiesta può assumere anche il servizio di tesoreria.
  6. Per le entrate patrimoniali ed assimilati l’apposito regolamento prevede, secondo l’interesse dell’ente, la forma di riscossione nell’ambito di quelle consentite dalle leggi vigenti.

Art. 80: Revisione economica e finanziaria

  • 1. Il Consiglio Comunale affida la revisione economico-finanziaria all’Organo previsto dal successivo articolo (Collegio dei revisori dei conti) che, in conformità alle disposizioni del regolamento di contabilità, svolge le seguenti funzioni:
  • 1.1. collabora con il Consiglio Comunale nelle attività di controllo e di indirizzo sull’azione amministrativa di gestione economico-finanziaria dell’ente. La funzione di collaborazione non si estende a quella amministrativa di governo complessiva posta in essere nel comune;
  • 1.2. esercita, secondo le disposizioni del regolamento di contabilità, la vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria degli strumenti tecnico-contabili messi in atto nel corso dell’esercizio finanziario;
  • 1.3. attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze delle scritture contabili prescritte, redigendo apposita relazione che accompagna la proposta di deliberazione consiliare del conto consuntivo;
  • 1.4. svolge attività propositive e di stimolo nei confronti degli organi elettivi al fine di consentire il raggiungimento di maggiore efficienza, produttività ed economicità nella loro azione.
  • 2. Le funzioni di controllo e di vigilanza si estrinsecano di norma attraverso indagini analitiche e verifiche a campione.
  • 3. Ove riscontri irregolarità nella gestione dell’ente l’organo di revisione ne riferisce immediatamente al Sindaco e al Presidente del Consiglio affinché ne informino il Consiglio Comunale.

Art. 81: Collegio dei revisori

  1. Il Consiglio Comunale elegge, come previsto dalla normativa vigente e con voto limitato, un collegio di revisori composto da tre membri, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente in Sicilia.
  2. Valgono per i revisori le norme di ineleggibilità e incompatibilità stabilite dal decreto legislativo n. 267/2000 e dalla legge per i Consiglieri comunali. Per la durata dell’incarico, per la cessazione, revoca o decadenza, per il numero degli incarichi e per il trattamento economico, per la responsabilità si applicano le disposizioni vigenti in materia.
  3. I revisori rispondono della verità delle attestazioni in ordine alla corrispondenza del rendiconto alle risultanze di gestione, redigendo apposita relazione che accompagna la proposta di deliberazione consiliare del conto consuntivo.
  4. I revisori hanno diritto di accesso a tutti gli atti e documenti dell’ente connessi al loro mandato e possono essere invitati a partecipare alle sedute della Giunta e del Consiglio.
  5. I rapporti del collegio con gli organi burocratici sono stabiliti dal regolamento di contabilità che disciplinerà anche i compiti e le funzioni di collaborazione e di referto, l'esercizio della funzione di revisione, l’oggetto, i modi e i tempi per pareri, attestazioni, certificazioni, relazioni e segnalazioni.

Art. 82: Controllo di gestione

  1. Il controllo di gestione mira a verificare lo stato di attuazione degli obiettivi programmati, la funzionalità dell’organizzazione dell’ente, l’efficacia, l’efficienza, la produttività dei servizi offerti con particolare riguardo all’economicità.
  2. Il controllo di gestione assume le caratteristiche del controllo funzionale riferito all’intera attività del comune per migliorare il coordinamento dell’azione amministrativa e dell’efficacia e della economicità della spesa pubblica.
  3. E’ controllo interno, concomitante allo svolgimento dell’attività amministrativa e finalizzato ad orientare l’azione amministrativa e a rimuovere eventuali difficoltà o disfunzioni.
  4. Il controllo finanziario è funzionale alla verifica della regolare gestione dei fondi di bilancio e dei relativi equilibri ed è correlato al raggiungimento dei programmi e degli obiettivi oggetto del controllo di gestione.
  5. Ciascun responsabile del servizio provvede nel corso dell’esercizio alla verifica dell’andamento della realizzazione degli obiettivi programmati riferendo periodicamente al Sindaco e al responsabile del controllo di gestione.
  6. Il modello organizzativo, le procedure e le modalità del controllo di gestione, secondo le disposizioni del decreto legislativo n. 29/93, e del decreto legislativo n. 267/2000 saranno esplicitate nell’apposito regolamento modulato secondo le esigenze e la struttura dell’ente.

Art. 83: Procedure contrattuali

  • 1. Agli appalti di lavori, alle forniture di beni e servizi, alle vendite, agli acquisti a titolo oneroso, alle permute, alle locazioni, per il perseguimento dei suoi fini istituzionali , il Comune provvede mediante contratti.
  • 2. Il Comune, nell’espletamento dell’attività contrattuale, si attiene alle procedure previste dalla normativa della Comunità economica europea, nazionale e regionale in vigore ed alle disposizioni dell’apposito regolamento dei contratti che dovrà assicurare l’applicazione di criteri di trasparenza, efficienza ed economicità di gestione, garantire adeguata pubblicità alla ricerca del contraente, prevedere i casi di ricorso alla trattativa privata, all’appalto concorso, alla concessione di costruzione e gestione assicurando pubblicità di procedure, congruità dei prezzi ed obiettività nella scelta del contraente.
  • 3. La stipulazione dei contratti, deve essere preceduta da un provvedimento nel quale vanno indicati, anche per relazione:
  • 3.1. il fine che con il contratto si intende perseguire e, quindi, le ragioni di interesse pubblico;
  • 3.2. l’oggetto del contratto, la sua forma e le clausole ritenute essenziali;
  • 3.3. le modalità di scelta del contraente ammesse dalle vigenti disposizioni in materia di contratti delle amministrazioni dello Stato e della Regione Siciliana, nonché le ragioni che sono alla base in caso di deroga al pubblico incanto, che costituisce la regola generale per la scelta del contraente.
  • 4. Il procedimento contrattuale è disciplinato dal regolamento dei contratti, da quello per i lavori e le forniture in economia e dal regolamento economato per la gestione di cassa delle entrate e delle spese di non rilevante ammontare.
  • 5. La commissione di gara, disciplinata dal regolamento dei contratti, sarà presieduta dal dirigente dell’ ufficio interessato per materia con potere di decisione.
  • 6. I verbali di aggiudicazione sono pubblicati per tre giorni consecutivi all’albo pretorio e diventano definitivi ed esecutivi senza necessità di approvazione e controllo se nel termine predetto non pervengono motivati reclami, su cui decide il Presidente di gara.
  • 7. Alla stipulazione dei contratti, interviene, in rappresentanza del Comune, il dirigente dell’ufficio interessato per materia, mentre al rogito provvede il Segretario generale.

Torna al Sommario dello Statuto