Sei in: Home » Il Comune » Regolamenti » Regolamento dei Servizi di Fognatura e Depurazione » Titolo V
Stampa la pagina

Regolamento dei Servizi di Fognatura e Depurazione

TITOLO V: Oggetto e finalità del regolamento dei servizi di fognatura e depurazione


Art. 33: Generalità

Il presente titolo regolamenta gli allacciamenti degli scarichi alla pubblica fo natura. nonché le modalità di esecuzione dei lavori e le relative procedure cui sono tenuti i singoli utenti.

Art. 34: Scarichi provenienti da ogni tipo di insediamento

I lavori relativi all’allacciamento di scarichi in pubblica fognatura dovranno essere sempre autorizzati dal Sindaco e dovranno essere eseguiti sorto l1 diretto controllo dell’U.T.C.

Tutti gli interventi su opere fognarie, da eseguirsi in sede stradale o in qualsiasi altro spazio pubblico, sia di costruzione che di manutenzione sono compiuti dai Comune. Il Sindaco può autorizzare il privato ad effettuare l’intervento sotto il controllo dell’U.T.C.

Il diametro della condotta privata non dovrà eccedere il diametro degli imbocchi predisposti o in ogni caso dovrà essere indicato dall’U.T.C. in assenza di tali imbocchi.

Nel caso di realizzazione o di ripristino di fognature stradali il Comune provvederà alle opere in sede stradale per la costruzione o il rifacimento degli allacci privati non idonei. Gli oneri derivanti da tali lavori sono a carico dell’utente.

Per gli scarichi di acque nere dovranno essere predisposti, prima dell’allacciamento, opportuni pozzetti sifonati secondo gli schemi definiti dal Comune.

Art. 35: Prescrizioni tecniche

Gli scarichi di acque nere di edifici con facciate prospicienti cortili o giardini devono essere allacciati mediante un unica tubazione alla fognatura stradale, salvo casi eccezionali. Pertanto le diverse colonne verticali di scarico delle acque nere dovranno venire collegate. tramite reti interne, alla tubazione di uscita dotata di idoneo pozzetto, a doppio chiusino per le ispezioni, ubicato entro la proprietà privata.

Un altro pozzetto per le ispezioni sulla tubazione di allacciamento, verrà ubicato in sede stradale o in marciapiede.

Art. 36: Allacciamenti di fabbricati insistenti lungo le vie private

Alle disposizioni dei presente regolamento sono soggetti anche gli stabili insistenti lungo le strade private. Queste verranno considerate, al fii delle acque bianche, come cortili comuni agli stabili stessi.

Le condotte degli allacciamenti di detti stabili rimarranno, anche ai fu della manutenzione. di proprietà. Privata fino al punto di immissione nella pubblica fognatura. sempre sito nella pubblica via o in prossimità della condotta principale.

Tutti gli allacciamenti devono inoltre rispettare le analoghe norme previste per il collegamento alla fognatura pubblica.

L’amministrazione comunale può costruire direttamente sia il collettore che gli allacciamenti qualora gli interessati non provvedessero. addebitando agli stessi le relative spese.

Art. 37: Scarichi provenienti da insediamenti prodotti e produttivi assimilabili a civili

I titolari di scarichi provenienti da insediamenti produttivi e/o produttivi assimilabili a civili dovranno realizzare i pozzetti in modo che siano ispezionabili ed atti al prelievo di campioni per il controllo dell’effluente.

In ogni caso, come previsto dalla normativa in vigore, a monte del pozzetto di campionamento non dovranno avvenire immissioni di acque allo scopo di diluire o modificare i parametri dell’effluente scaricato, i fognoli di allacciamento dovranno essere realizzati con tubazioni idonee.

L’ente gestore delle fognature può imporre o consentire la unificazione di più scarichi omogenei prima dell’allacciamento, in questo caso ciascun titolare degli scarichi dovrà munirsi di apposito pozzetto di ispezione prima della confluenza degli scarichi stessi.

Art. 38: Proprietà delle opere di allacciamento e loro realizzazione

Le opere di allacciamento, dalla rete fognaria sino al pozzetti di allacciamento inclusi, sono di proprietà comunale mentre dal pozzetto in poi sono di proprietà. privata.

Il Comune, a spese del titolare dello scarico, realizza e modifica l’allacciamento alla fognatura, per la parte che ricade in suolo pubblico, e ne cura la manutenzione.

Torna al Sommario del Regolamento