Sei in: Home » Il Comune » Regolamenti » Regolamento per la disciplina dell'attivit� di estetista » Titolo II

Regolamento per la disciplina dell'attività di estetista

Titolo II: Formazione delle attività


Art. 4: Modalità di programmazione

  1. Le autorizzazioni dell’esercizio dell’attività di estetista sono assentite in conformità al programma comunale.
  2. La programmazione del attività di estetista ha lo scopo di conseguire una equilibrata distribuzione nel territorio comunale dei relativi esercizi.
  3. Per il conseguimento delle finalità di cui al comma 1 si tiene conto della situazione esistente, degli addetti occupati, della istanza minima tra un esercizio e l’altro, rapportata dalla densità della popolazione residente e fluttuante ed alle esigenze dell’utenza.
  4. Per addetti si intendono tutti coloro che partecipano manualmente all’esercizio dell’attività di estetista, anche se non risultano intestatari della relativa autorizzazione.

Art. 5: Distribuzione degli esercizi a livello territoriale

  1. Nei casi di nuova concessione o di trasferimento di sede la distanza tra due esercizi non può essere inferiore a metri 100.
  2. La distanza tra due esercizi, calcolata in metri, viene misurata seguendo il percorso pedonale più breve.
  3. Per l’autorizzazione all’esercizio di attività plurime si tiene conto anche dei criteri stabiliti dallo stesso fine dal regolamento per le singole attività.

Art. 6: Caratteristiche e destinazione d’uso dei locali

  1. L’attività di estetista deve essere svolta in locali all’uopo destinati, separati da quelli adibiti ad altre attività.
  2. I locali impiegati per l’esercizio dell’attività debbono disporre delle caratteristiche indicate dal regolamento edilizio e dal regolamento di igiene vigenti.
  3. La superficie minima dei locali destinati all’esercizio dell’attività di estetista non può essere inferiore a mq 25. A tale prescrizione può derogarsi nei casi di sub ingresso in esercizio preesistente e di attività svolta presso il domicilio dell’esercente.
  4. Qualora l’attività sia svolta presso il domicilio dell’esercente, i locali ed i servizi debbono disporre delle caratteristiche indicate al comma 2 ed essere dotati, inoltre, di servizi igienici separati da quelli adibiti a civile abitazione; debbono essere, altresì, consentiti i controlli previsti da parte delle competenti autorità e rispettate tutte le norme che disciplinano l’esercizio della medesima attività.

Torna al Sommario del Regolamento